Amore *
(Amore)




   Amore,
   amore duce e anniputente,
   pure si mo le tègne u core amère,
   ti sente, amore, granne cchiù d'u mère,
   ti sente a tutt'i banne come ll'aria
   c'arravògghiete i cose e lle fè llège
   e cchiù lucente assèi di 'umminàrie.

   Amore,
   amore belle com'u sòue,
   chilla ca sì' nun sacce e nun le trove
   cchi ti chiamè, sicure, na paròua,
   ma sacce c'assimmìgghiese a la rise
   d' 'a Maronna cuntenta 'n paravise,
   e ca si mi virìse menze morte
   m'accarizzàise duce cchi nu cante
   ca lle fè molle i pètre e ca ni tòcchete
   u core a li briante.

   Amore,
   amore funne cchiù d'u cèe,
   ca mi grapìse ll'occhie nd'i matine,
   stu munne mo mi pàrete cichète
   com'a na palla nivra di carvone
   e fùiete 'nnatèrne arraugghiète
   senza di si vutè com'a nu surde
   e iè le curre appresse e fazze i picce
   d'i uagninèlli maète.

   Amore,
   amore forte cchiù d'u vente
   ca srarichìte ll'albere e ca sciòllete
   i chèse e ca le lìmite i muntagne,
   dannìlle sempe a tutte quante i cose
   ni pic di stu fiète di giaiante
   e po na 'ùcia aguèle com'u lampe
   ca s'abbràzzete i spine 'nemenz'i rose.

   Amore,
   amore granne cchiù d'u mère;
   amore,
   amore forte cchiù d'u vente,
   nun ti scurdè ca pure nd'i turmente
   ci àgghie vrusèete e vròsce nda stu foche   
   com' 'a frasca 'ntriccèta a ll'ate frasche,
   pure cchi chille ca mi guardàine storte
   e pure mo mi uèrene già morte.

   Amore,
   amore duce e anniputente,
   com'agghi' 'a fè cchi nu ringraziamente?


   Amore,
   amore dolce e onnipotente,
   anche se adesso tengo il cuore amaro,
   ti sento, amore, grande più del mare,
   ti sento dappertutto come l'aria
   che ravvolge le cose e le rende leggere
   e lucenti assai più che luminarie.

   Amore,
   amore bello come il cole,
   quello che se non so e non la trovo
   per chiamarti, di certo, una parola,
   ma so che rassomigli al sorriso
   della Madonna lieta in paradiso,
   e che, se mi vedevi mezzo morto,
   m'accarezzavi dolce con un canto
   che intenerisce le pietre e che tocca
   il cuore dei briganti.

   Amore,
   amore più profondo del cielo,
   che mi schiudevi gli occhi nei mattini,
   ora mi sembra cieco questo mondo
   come una palla nera di carbone
   e fugge eternamente accartocciato
   senza voltarsi, simile ad un sordo,
   ed io lo rincorro e faccio i capricci
   come i bambini malati.

   Amore,
   amore forte più del vento
   che gli alberi divelle e fa crollare
   le case e lima le montagne,
   dai sempre ad ogni cosa
   un po' di questo fiato di gigante
   ed una luce simile ad un lampo
   che si abbraccia le sprine tra le rose.

   Amore,
   amore grande più del mare,
   amore,
   amore forte più del vento,
   non scordarti che pure tra i tormenti
   io ci ho bruciato e brucio in questo fuoco   
   come frasca intrecciata ad altre frasche,
   anche con quelli che ostili mi guardavano
   e ancora adesso mi vorrebbero morto.

   Amore,
   amore dolce e onnipotente,
   come fare per un ringraziamento?

* In I 'nnammurète, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, pp. 89-90.


Antologia