'A pinna supre ll'ìrmici *
(La piuma sui tetti)




   Chi vò na cosa
   e chi n'ata,
   chi è surde
   e chi è cichète,
   ma ci su' pure chilli ca ti dìcene
   si vòete na pinna supre ll'ìrmici
   e sèntene u vintùuone nda nu fiète.

   Iè, si mi sente stunète,
   veve camminànne cchiù assèi;
   e tutt'i cose pàrene scitète
   all'occhi ca ci vròscene dasupe.

   E mi scorde d'i drupe,
   e citt citt e quète mi ci ndànte
   cch'i cosicelle zinne,
   machère cchi na frunna, o cchi nu linne,   
   ca si pòrte l'acqua di nu fiume.

   Chi vuole una cosa
   e chi un'altra,
   chi è sordo
   e chi è cieco,
   ma ci son pure quelli che ti dicono
   si vola una piuma sui tetti
   e sentono il vento forte in un fiato.

   Io, se mi sento stordito,
   vado camminando ancor di più;
   e tutte le cose sembrano destate
   agli occhi che vi bruciano sopra.

   E mi scordo dei dirupi,
   e zitto zitto e quieto mi c'incanto
   con le cosette piccole,
   magari con una foglia, o con un legno,
   che se li porta via l'acqua di un fiume.   

* In 'A terra du ricorde, Il Nuovo Belli, Roma 1960, p. 46.


Antologia