Avìn' 'a i'èsse i morte *
(Dovevano essere i morti)




   Da quanne stè luntèna 'a nnammurèta,
   père nu spiritète.
   U sonne m'è lassète pur' 'a notte
   e nun tegne ni pic di papagne;
   po vire u campisante d'u paise
   chiìne di scattabotte.

   "Si stè bbone nd' 'a terra"
   mi pàrete di sente n'ata vota;
   "s'arrènnene cchi ssèmpe a que i vrangelle  
   d'u munne ca ti stràzzene i capille
   e scuppuuìne ll'occhie com'a chille
   d'i pecure purtète a lu macelle".

   Avìn' 'a i'èsse i morte ca parlàine
   come pàrlene duce i 'nnammurète
   a chi chiangìte sùue nd'i nuttète.
   Nun s'afiràine a sente cchiù sti grire
   e cchi ti dè na mèna, tutt'i mène,
   avìne scafurchiète quillu scure
   cchi arrivintè nu fiore supr'u mure.

   Ma mo fè fridde,
   ll'àlbere su' sicche,
   chiòvete,
   i 'ntrunizze su' sfiatète
   e purìi lampe pàrene maète.
   Le sèntese nda ll'aria ca ci addòrete
   'a nive e c'è nu vente ca ci fìschete
   cchi ti scafè nd'u core ca ti dòute.


   Da quando sta lontana l'innamorata,
   sembro uno spiritato.
   Il sonno mi ha lasciato anche di notte
   e non ho neanche un poco di sonnifero;
   poi vedo il camposanto del paese
   pieno di papaveri.

   "Si sta bene sotterra"
   mi pare di sentire un'altra volta;
   "si arrendono per sempre qui gli artigli
   del mondo che ti strappano i capelli
   e ti sbucciano gli occhi come quelli
   di pecore condotte al macello".

   Dovevano essere i morti che parlavano
   come parlano dolce gli innamorati
   a chi piangeva solo nelle nottate.
   Non sopportavano più di sentire quei gridi  
   e per darti una mano, tutte le mani,
   avevano scavato quel buio
   per diventare un fiore sopra il muro.

   Ma ora fa freddo,
   gli alberi son secchi,
   piove,
   i tuoni son sfiatati
   ed anche i lampi sembrano malati.
   Lo senti nell'aria che ci odora
   la neve e c'è un vento che fischia
   per scavarti nel cuore che ti duole.


* In I 'nnammurète, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, pp. 20-21.


Antologia