Doppe a festa *
(Dopo la festa)




   Nisciune ne pò sapé chille ca sente
   mo c'è spiccète 'a festa
   e vire cha i bandiste, a une a une,
   vistute a ghianche pàssene sunanne
   nd' 'a chiazzètta vacante e si ni vène
   a n'ata banne.

   I'è come si chinnante c'ète u morte
   c'accumpàgnene chiène e nun le vìrese
   nda na fùa di vente ca ti pùngite
   ll'occhie già ammullète
   e fè pinzè ca cìchese.

   Ah come ci si scannìjete e s'affòchete
   duce duce nd'u vente
   'a campèna di San Fuuìppe,
   cc'amore c'a trarimente
   si gnuttìvite 'a notte a San Francische
   e i statue supr' 'a chèsa d'u Barune!

   L'ùtime bandiste cc' 'a grancàscia,
   pure ill è passète;
   cchiù ca sunè mo chiàngete
   nda chille botte cupe
   ca 'ntrònene nd'i strète e ca rivìgghiene   
   nd'i fosse pure i lupe.

   Iè mi ittère abbasce da sta loggia
   addù rumagne sùue e vire 'a chiazza
   ca s'è scurute come na isterna.

   Mi pàrete stève 'nchiuvète
   nd'u curnicione a stozze di na chièsia
   menza sciullèta.
   E ha' vògghia pure iè di cannijè
   nda quistu nivrefume ca strarìpete
   doppe ca nda na botta lle stutàvite
   na hiummèra di 'uce di cannée;
   com'a nu falchètte sparète
   si mo lle gire ll'occhie nun lle trova
   manche i stelle nd'u cèe.

   Nessuno può sapere ciò che sento
   ora che la festa è finita
   e vedo che bandisti, ad uno ad uno,
   vestiti a bianco passano suonando
   nella piazzetta vuota e se ne vanno
   da un'altra parte.

   È come se davanti ci sia un morto
   che accompagnano piano e non lo vedi   
   in un soffio di vento che ti punge
   gli occhi già inumiditi
   e fa pensar che accechi.

   Ah come ci si dispera e si affoga
   dolce dolce nel vento
   la campana di San Filippo,
   perché a tradimento
   la notte s'inghiottì a San Francesco   
   e le statue alla casa del Barone!

   Con la grancassa l'ultimo bandista
   è passato anche lui;
   più che suonare, adesso,
   piange in quei botti cupi,
   che nelle strade tuonano e risvegliano
   pure i lupi nei fossi.

   Mi getterei giù da questa loggia
   dove rimango solo e vedo che la piazza
   si è oscurata come una cisterna.

   Mi sembra di stare inchiodato
   nel cornicione a pezzi di una chiesa
   mezzo crollata.
   E hai voglia ancor di boccheggiare
   in questo straripante nerofumo
   dopo che spense in un solo momento
   una fiumana di luce di candele;
   come un falchetto ferito,
   se adesso giro gli occhi, non ritrovo
   nemmeno più le stelle del cielo.

* In Metaponto, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, pp. 63-64.


Antologia