E cché sùu iè? *
(E che son io?)




   E cché sùu iè, cché sùu,
   cchi mirité stu chiante tue?
   Nu ghiòmmere di ferre spinète
   ch'è rumèse nd'u foche,
   chiste sùu;
   nu ghiòmmere menze cìnnere e menze vrèsce   
   c'ancore nun p capèce
   di le ittè na 'ùcia nd'i drupe
   e pure mo s'accìrete
   pinzanne c'allè nun c'ète,
   cch'i pericèlle tue,
   na schehicèlla di sèta.


   E che son io, che sono,
   per meritare questo tuo pianto?   
   Un gomitolo di ferro spinato
   ch'è rimasto nel fuoco,
   questo sono;
   un gomitolo metà cenere e metà brace   
   che ancor non è capace
   di gettare una luce nei dirupi
   e ancora si dispera
   pendanso che la non c'è,
   per i tuoi piccoli piedi,
   una scala di seta.

* In I 'nnammurète, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, p. 39.


Antologia