Nun ni dice a nisciune *
(Non lo dire a nessuno)




   Nun ni dice a nisciune,
   manche all'aria,
   ca mi vò tante bene:
   tu ancore nun le sàpese
   'a 'nvìria ca d'è nd'u munne.

   Si proprie nun t'afìrese di réje
   quanne stève luntène,
   fè com'u pacce sapie:
   parle sùue
   e chiène chiène.

   Po quanne ti n'addònese ch'è notte,
   trasìcce all'ammucciùne nda na chièsia   
   e cuntannìlle a tutt quant i sante
   i pinzère ca nàscene da u chiante.


   Non lo dire a nessuno,
   nemmeno all'aria,
   che mi vuoi tanto bene:
   tu ancora non lo sai
   l'invidia che c'è nel mondo.

   Se proprio non ce la fai a resistere
   quanto sono lontano,
   fa come il pazzo mite:
   parla solo
   ma piano piano.

   Quando t'accorgi poi ch'è fatto notte,   
   entra alla chetichella in una chiesa
   e raccontali a tutti quanti i santi
   i pensieri che nascono dal pianto.

* In I 'nnammurète, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, p. 61.


Antologia