A occhie e cruce *
(Ad occhio e croce)




   A occhie e cruce
   pàrete ch'è spiccète
   stu bene tante granne ca m'ha'vòste:
   nu chiantarèlle, e basta,
   e i cose chiène chiène
   ànne turnète belle n'ata vota
   com'i fiore scattète nda na grasta.

   Iè nun le sacce bbòne
   si tu n'ha' fatte nu torte
   a chill'amore noste ca nascìvete
   nda nu vée rusète,
   sacce sùue na cosa:
   ca ci ha' rumèse 'nghiuse nda stu core   
   come nd'i mène sante d'u Signore
   tutte quante u criète.


   Ad occhio e croce
   pare che sia finito
   il bene così grande che mi hai voluto:
   un piccolo pianto, e basta,
   e pian piano le cose
   son ritornate belle un'altra volta
   come i fiori sbocciati entro una grasta.   

   Io non so bene
   se tu hai fatto un torto
   a quell'amore nostro che nasceva
   in un velo rosato;
   so soltanto una cosa:
   che sei rimasta chiusa in questo cuore
   come nelle mani sante del Signore
   tutto quanto il creato.

* In I 'nnammurète, Il Nuovo Cracas, Roma 1963, p. 45.


Antologia