'A Ravatèna *
(La Rabatana)




   Cchi ci arrivè a la Ravatèna
   si nghiànete 'a pitrizza
   ca pàrete na schèa appuntillèta
   a na timpa sciullèta.

   Quanne un tempe è sincire,
   atturne atturne 'a terra d'i iaramme
   ci ampìete a lu sòue com'u specchie,
   e quann si fè notte c'è nu frusce
   di vent ca s'ammùccete nd'i fossi
   e rivìgghiete u cuc e ci fè nasce
   nu mère d'erve.

   Pòuri cristieni,
   ci durmìne cch'i ciucci e cch'i purcelli
   nda chille chèse nivre com'i forchie;
   e pur mo lle chiàmene "biduini"
   cc'amore ca su' tristi e fène a sgrògnue   
   a piscunète e a lème di curtèlle.

   Alledàvete c'è aria fina
   quann vènete 'a steta;
   e nun mpòrte si po ci fène 'a fera
   e chiàmene u taute i cuc-uelle;
   l'avèreva viré chille ca fène
   i Ravitanesi quann c'è na zita:
   vi ndippèrese i ricchie cchi nun sènte
   catarre mandulini e colp-scuri
   scamizzi di uagnuni e d'urganètte
   e battarie e troni di tammure.

   Ma iè le vogghie bbene 'a Ravatèna
   cc'amore ca c'è morte mamma mèja:
   le purtàrene ianca sup' 'a seggia
   cchi mmi nd'i fasce com'a na Maronna
   cc'u Bambinèlle mbrazze.

   Chi le sàpete u tempe c'è passète...
   e nun tòrnete ancore a lu paàzze.

   Per arrivarci alla Rabatana
   si sale un pietrame
   che sembra una scala puntellata
   su una parete in crollo.

   Quando il tempo è sereno,
   tutt'attorno la terra dei burroni
   lampeggia al sole come fa uno specchio,   
   e quando si fa notte c'è un fruscìo
   di vento che nei fossi si nasconde
   e risveglia il cuculo e fa spuntare
   un mare d'erba.

   Povera gente,
   ci dormiva con gli asini e i porcelli
   in quelle case nere come tane;
   e ancora adesso li chiamano "beduini"
   perché sono violenti e fanno a pugni,
   a sassate e a colpi di coltello.

   Lassù c'è aria fina
   quando giunge l'estate;
   e non importa se poi fanno schiamazzi
   e le civette chiamano la bara;
   lo dovreste vedere cosa fanno
   i Rabatanesi quando ci son nozze:
   le orecchie otturereste, per non sentir
   chitarre mandolini e mortaretti
   strepiti di fanciulli e di organetti
   e batterie e tuoni di tamburo.

   Ma io alla Rabatana voglio bene
   perché vi è morta lì la mamma mia:
   la portarono bianca su una sedia
   con me in fasce, come una Madonna
   col Bambinello in braccio.

   Chi lo sa mai il tempo ch'è passato...
   e non ritorna ancora al suo palazzo.

* In 'A terra du ricorde, Il Nuovo Belli, Roma 1960, pp. 17-18.


Antologia